PERCHé tanti lions club...
 
Riflettiamo...
ESSERE LIONS
Torna all’indiceRiflessioni.html

Perchè sul territorio ci sono innumerevoli Clubs Lions?

Vi risponderò con una piccola storiella. Chiunque sa bene che anche con poca legna, si riesce a scaldare un pentolino piccolo di acqua. L’effetto ottenuto è semplice e facilmente verificabile, si ottiene l’acqua calda. Una situazione temporanea, perchè quando finisce la legna l’acqua torna fredda come prima. Scaldandosi l’acqua sembrava aver aumentato il suo volume, ma ora  raffreddandosi vediamo che non si è neppure spostata dal suo contenitore. Se invece aumentiamo la quantità di legna, l’acqua prima bolle e poi inizia ad evaporare. Più legna, più vapore, finchè tutta l’acqua evapora e sparisce dal pentolino.  Cosa è successo, non esiste più l’acqua? No, questa è ora sparsa nell’aria in uno spazio ben maggiore di prima, perchè ha cambiato aspetto, volume e stato fisico. Anche quando poi condensandosi si raffredda tornando acqua, questa non si troverà più nel contenitore originario, ma è andata più lontano, è diventata un’acqua che se cade su terreni aridi vi può portare nuova vita.  

Quale morale ricaviamo da questa storiella. Semplice, solo se la fai bollire fortemente, l’acqua diventa vapore e quindi un elemento utile agli altri e in grado di cambiare le cose, altrimenti con la sola acqua calda, questa alla fine rimarrà sempre e solo nel suo piccolo pentolino. Questo è il nuovo lionismo, che abbiamo davanti, la necessità di avere molta legna. La poca legna di ogni singolo club spesso non basta per avere la quantità giusta che fa bollire l’acqua. Per questo serve unire la legna di più clubs, proprio per avere una vera bollitura che arriva veramente lontano, un obiettivo che per le problematiche globali in cui viviamo, potrebbe richiedere tutta la legna che possiamo mettere insieme come Associazione intera. La poca legna del singolo club è facile intuire, raramente ormai fa veramente bollire l’acqua. Proprio per questo dobbiamo auspicare una continua crescita del numero dei clubs che mettono in comune le loro scorte di legna, in modo che alla fine non sarà troppo importante in quale Club vi trovate, a patto che siate sempre disposti a lavorare insieme per affrontare questa sfida che richiede sempre più energie e condivisione degli obiettivi. Forse una volta un club da solo riusciva a supplire ai piccoli bisogni locali, ma ora con la globalizzazione che amplifica tutto, credo non sia più il tempo della semplice acqua calda.