sono presidente, cosa fare
 
Riflettiamo...
ESSERE LIONS
Torna all’indiceRiflessioni.html

Il Presidente di un Club Lions, come si leggeva nei vari opuscoli che una volta distribuivano (ora non li danno più…) è il direttore generale del club, il responsabile esecutivo ed amministrativo e rappresenta ufficialmente il Club negli incontri di Zona, Circoscrizione, Distretto, nei Congressi Distrettuali, Nazionali e Internazionali. Il suo comportamento deve essere sempre conforme alle norme dello Statuto e del Regolamento del Club che, che a loro volta, ricalcano le norme dello Statuto e del Regolamento Internazionale.

Definizione astratta che spiega poco delle sue funzioni non di padrone ma di rappresentante del Club.  Forse era meglio dire quello che non deve fare; un concetto che io riassumerei in due frasi, non deve dire quello che deve fare il club, non deve svolgere solo i service che piacciono a lui. Entrando più nel merito, voglio ricordare le parole di un grande esperto di lionismo che mi reputo fortunato di aver incontrato; diceva che un Presidente di Club si deve attenere a tre obblighi fondamentali e irrinunciabili nella loro compresenza.   Prima di tutto deve GESTIRE il suo Club, e qui appare chiaro il riferimento ai vecchi opuscoli. Quindi deve convocare e moderare le riunioni del suo club e del Consiglio Direttivo, sovrintendere le attività dei comitati di club che organizzano i progetti e i service, partecipare come rappresentante del Club alle riunioni e agli incontri lions di Zona, Circoscrizione, Distretto, portare in queste sedi la voce del Direttivo del suo club e ricevere in queste riunioni istruzioni e strategie di azioni concordate, che deve trasmettere ai suoi soci. Far applicare nel suo club quanto deciso dal Consiglio Direttivo e quanto concordato nelle riunioni Lions di livello superiore. 

Poi deve ISTRUIRE i soci del suo club, e qui parliamo di formazione continua che egli deve applicare nel suo gruppo per promuovere l’evoluzione strategica dell’azione associativa. Importanti saranno gli interventi di recupero delle motivazioni interne, che devono portare ad un miglioramento dell’azione di servizio dei suoi soci, ma anche il miglioramento della qualità dei service promossi dal club in sintonia con l’evoluzione strategica promossa dal Distretto di cui fa parte il suo Club. Istruzione che non deve comunque mai trascurare l’obiettivo del miglioramento della leadership presente nel suo gruppo, anche tramite gli strumenti che l’associazione mette a disposizione per tale obiettivo.

Infine, far CRESCERE numericamente i soci del suo Club, perché solo una reale crescita associativa legata ad un effettivo mantenimento motivazionale dei soci presenti, permetterà al Club di avere al suo interno le risorse necessarie per essere all’altezza delle sfide che ogni anno cambiano, diventano sempre  più globali e bisognose di maggiore condivisione operativa.

Tre obiettivi che ogni presidente deve avere sempre presenti durante il suo mandato, con la consapevolezza che il suo incarico è limitato nel tempo e che deve essere per questo motivo, una forma di proseguimento del lavoro del presidente che lo ha preceduto e un progetto condiviso e coordinato con il presidente che verrà dopo di lui.